5 buoni motivi per fare la raccolta differenziata

Ecco a voi 5 buoni motivi per fare la raccolta differenziata:

1. Dividere i rifiuti in base al loro materiale negli appositi cassonetti è il miglior modo per permettere alle industrie di riciclare e quindi, riutilizzare per nuovi prodotti gli stessi contenitori. Questo fa sì che non si creino sempre nuovi involucri che andranno smaltiti in inceneritori o posati in discariche maleodoranti e tossiche non solo per noi essere viventi, ma anche per il suolo e l’atmosfera.

2. Si possono creare nuovi oggetti, quali capi d’abbigliamento, scarpe, borse, zaini e tanto altro riciclando la plastica. Basti pensare alle Ocean Plastic Trainer, ossia un modello di scarpe da ginnastica derivate da un filamento di plastica raccolto nell’oceano.

3. Si sprecano meno risorse derivanti dalla Terra poiché si riusano gli stessi materiali per i contenitori e non solo.

4. L’aria e il suolo saranno meno tossici e non andranno a contaminare ciò che raccogliamo dal terreno, quali verdura, tuberi e molto altro.

5. Le risorse non rinnovabili non si esauriranno dunque in tempi brevi e l’inquinamento dell’atmosfera si assottiglierà per non aggravare l’effetto serra.

Come reinventare i tappi di bottiglia: tante idee creative!

Come unire l’ecologia e la birra? Ovviamente parlando di riciclo, ma soprattutto di riutilizzo. In questo articolo potete trovare idee creative per riutilizzare i tappi delle vostre bottiglie di birra.

Magnetini e puntine
Potrete trasformare i vostri tappi di bottiglia in magnetini per decorare il frigorifero o in puntine per la vostra bacheca. Basta posizionare sul retro di ogni tappo una piccola calamita o una puntina da disegno. Ogni tappo è personalizzabile rivestendolo con degli adesivi o con delle immagini ritagliate dalle pagine delle vecchie riviste.
Fonte foto: https://www.marthastewart.com/270932/bottle-cap-magnets-and-thumbtacks
Candeline alternative
Dovrete utilizzare i tappi di bottiglia come base e lasciare colare la cera al loro interno. Si tratta, in questo caso, di candeline decorative, che potrete utilizzare come segnaposto o per creare un centrotavola. Oltre ai tappi così potrete riciclare anche gli avanzi delle vecchie candele. Vi basterà fondere la cera rimasta a bagnomaria.
Fonte foto: https://i.pinimg.com/736x/7c/f0/ca/7cf0caa1f4e9141ed2804db69a701db5.jpg
Sottobicchieri
Grazie ai tappi di bottiglia potrete creare dei sottobicchieri o dei sottotazza. Potrete utilizzare una base di cartoncino robusto, di compensato o di sughero. Dovrete incollare i tappi alla base dei sottobicchieri con la colla a caldo. La base del vostro sottotazza potrà essere di qualsiasi forma, ad esempio circolare o quadrata.
Fonte foto: https://www.diytomake.com/37-diy-ways-to-recycle-bottle-caps/
Sonagli al vento
Servono solo due forellini su ogni tappo per far scorrere il filo di nylon.
Il vento in Valle non ci abbandona mai, questo è un modo per sfruttarlo per creare dolci melodie!
Fonte foto: https://www.eticamente.net/45832/riciclare-i-tappi-della-birra.html?cn-reloaded=1
Gioielli
Dai rifiuti possono nascere dei gioielli riciclati di design. Un tappo di bottiglia può trasformarsi facilmente in un ciondolo o in un ornamento per una collana o un bracciale dalla struttura metallica. Oppure si possono realizzare orecchini e anelli, personalizzando i tappi rivestendoli grazie alla tecnica del decoupage.
Fonte foto: https://www.tuttogreen.it/riciclo-creativo-dei-tappi-di-bottiglia/
Decorazioni
Molto semplice è la creazione di personaggi e decorazioni differenti per ogni stagione o occasione di festa. Anche i bambini si possono divertire molto e possono dare spazio alla loro fantasia e creatività!
Fonte foto: http://www.mammainprogress.it/festivita/decora-il-natale-con-mamma-progress-pupazzo-di-neve-coi-tappi-di-bottiglia.html

Largo alla creatività!

Come riutilizzare le bottiglie di vetro: 5 idee per un riciclo creativo

1.Per realizzare un vaso da fiori basta riempire la bottiglia con dell’acqua e inserire i fiori, dopodiché la si può appendere al soffitto con un filo trasparente per creare un effetto ”volante” oppure la si può semplicemente appoggiare su di una superficie piana come quella di una mensola o di un tavolo o di un mobile. Insomma potete metterla dove vi pare e piace!

2.Con una bottiglia di vetro si può persino ricreare l’atmosfera marina aggiungendo della sabbia, delle piccole conchiglie e delle pietre colorate. Così facendo ogni volta che avrete nostalgia del mare basterà togliere il tappo e odorare i suoi profumi.

3.Per i più temerari è possibile realizzare le gambe di uno scaffale con le bottiglie ma è già un lavoro più complicato che richiede una parte di lavorazione con il legno. E’ comunque un’idea originale!

4.Adatte alle cene romantiche ma anche come sostitute di abat-jour sono le bottiglie riempite con le lucine piccole volendo anche multicolore.

5.Quest’ultima idea è la più complicata poiché richiede il taglio della bottiglia. Esso si applica mettendo del filo di lana intorno al punto in cui di desidera dividere la bottiglia, fatti tre giri si fa un nodo e si toglie il filo per immergerlo nell’acetone. Dopodiché lo s’infila bagnato e gli si dà fuoco girando piano piano la bottiglia. Infine, s’ immerge la bottiglia nell’acqua gelata in cui si sentirà il rumore del vetro che si rompe. A questo punto si può quindi girare il collo della bottiglia dentro l’altra parte spezzata, si aggiunge una retina, terra e una piantina e si ottiene un vasetto del tutto unico!

Foto da: www.pinkblog.it; www.infoarredo.it; i.pinimg.com

5 cose che (forse) non sapevi sulla birra

1. La birra è stata inventata nell’antica Mesopotamia, dove oggi è vietata.
Prove scientifiche confermano che la prima produzione di una bevanda, nata dalla fermentazione dei cereali, risale a 7000 anni fa, in Mesopotamia.
Sempre in Mesopotamia, intorno al 1800 a.C., è nata la prima legge sulla birra: stabiliva che ogni cittadino ne avesse una razione giornaliera.
Attualmente però questo territorio è occupato dall’Iran, dove oggi è severamente vietata consumarla per via delle usanze e delle leggi islamiche. Chi beve birra può essere punito addirittura con frustate e con il carcere… ma non in tutto il mondo è così. Infatti in altre nazioni, la birra ha persino una festa nazionale: da Monaco di Baviera in Germania (sede dell’Oktoberfest) a Qingdao in Cina (dove si tiene il Festival internazionale della birra).

2.La birra ha innescato la rivoluzione agricola.
La crescita della domanda di birra nel XVII secolo è fra i fattori che hanno spinto gli agricoltori delle Fiandre e del Brabante ad abbandonare la rotazione biennale a favore di una rotazione pluriennale con pascoli al posto del maggese.
Questo sistema fu studiato dall’inglese Richard Weston e divenne famoso come “sistema di Norfolk“.
Curiosità della curiosità: il suo utilizzo nell’Inghilterra del XVIII secolo fece impennare le richieste di aratri e attrezzi in metallo innescando la rivoluzione industriale.

3.I primi mastri birrai.
I primi mastri birrai della storia erano… donne!
Nell’antico Egitto agli uomini era persino vietato produrre birra, una tendenza che si è ovviamente persa con il passare degli anni. Il motivo non è ben chiaro: ciò di cui siamo certi è che, tuttavia, le donne che finiscono con l’appassionarsi al mondo della birra e alla sua realizzazione sono sempre di più. Che vogliano riscattarsi e riacquistare il loro ruolo dominante nel settore? Staremo a vedere!

4.La birra eccita il cervello maschile.
Una bella bionda – in pinta -, la partita in tv e gli amici sono gli ingredienti giusti per un uomo, qualcosa di molto vicino al Paradiso. Ma cosa avrà mai di tanto speciale la birra agli occhi, e alle papille, maschili?
Una ricerca dell’Indiana University School of Medicine (USA) lo rivela: la birra stimola nel cervello maschile la produzione di dopamina, un neurotrasmettitore rilasciato in concomitanza di stimoli legati al piacere e alla ricompensa.

5.La birra non è vegana.
Molti saranno stupiti, ma per fare la birra serve lo zucchero, e per fare lo zucchero serve il carbone animale.
Cos’è il carbone animale? Ossa di animale bruciate a 400-500 °C che hanno il potere di assorbire determinate sostanze. È usato per togliere il fluoro dall’acqua, per eliminare residui di rame, zinco e cadmio oppure, appunto, per raffinare lo zucchero secondo un procedimento brevettato da Louis Constant nel 1812.
Nell’elenco delle possibili sostanze animali contenute nella birra ci sono anche la colla di pesce, la gelatina animale, la glicerina o caseina, gli insetti (che possono essere impiegati per i coloranti) e in alcuni casi addirittura il lattosio derivante da latte bovino, soprattutto per birre “dolci e cremose”.
Ma amici vegani, state tranquilli! Le birre artigianali infatti vengono di solito realizzate con l’impiego di ingredienti vegetali e passaggi di lavorazione che non prevedono l’aggiunta di sostanze e procedimenti di miglioramento di gusto, consistenza o colore.